Elenco laboratori in classe:

 

1 PROIEZIONE:
Temi: tutti
Classe: I – II – III – IV – V
Materiali: proiettore o aula computer
N.B. Tutte le proiezioni avranno bisogno dell’ausilio di un proiettore che possa leggere le immagini da un PC portatile e una superficie su cui proiettare.
La visione di gruppo di una serie di immagini di opere  proiettate ha il vantaggio di coinvolgere maggiormente i bambini rispetto alla visione di riproduzioni fotografiche. Le opere proposte seguono il filo del tema scelto prendendo in considerazione nella scelta delle immagini e del loro numero l'età dei bambini e la loro capacità di attenzione. I laboratori di proiezione, proposti a tutte le classi, si devono intendere differenziati; per esempio alla I e II classe si proporranno un numero di opere minore.
Non sono importanti riferimenti di tipo storico – artistico; cerco di attivare la curiosità e il dialogo attraverso il confronto visivo tra un’immagine e l’altra  e i bambini si devono sentire liberi di commentare  e confrontare il proprio pensiero con gli altri.


 

2 ALLA SCOPERTA DEI MATERIALI
Temi: tutti
Classi: I – II – III – IV – V
Materiali: n.40 piatti di plastica fondi, materiali raccolti e riciclati (anche se la maggior parte dei materiali verranno portati, selezionati ed ordinati dall'operatrice verranno coinvolti anche i bambini nella raccolta di materiali facilmente reperibili in casa o in giardino), scotch biadesivo, tubetto di colla vinavil.
Il laboratorio può essere introduttivo all'uso di materiali eterogenei e inserirsi nei diversi percorsi tematici; in questa prima fase di lavoro ci concentreremo sui valori oggettivi, successivamente , variando il laboratorio in base al tema scelto, sulle nostre associazioni e sui valori soggettivi.
Disponiamo sui banchi uniti al centro dell'aula tanti contenitori, ognuno con un materiale differente. Prima di iniziare l'indagine sottolineo che sarà necessario “osservare”  non solo con gli occhi ma anche attraverso le mani, il naso e le sensazioni piacevoli o sgradevoli, le emozioni o i ricordi che emergono. Ogni alunno dovrà girare intorno ai banchi toccando i materiali e, aiutati dagli adulti, cercando i nomi corrispondenti alle qualità di ciò che stanno toccando. Per ogni materiale si potrà realizzare una scheda che contenga un campione, il nome e le sue caratteristiche principali. Le schede potranno servire ai bambini come promemoria del lavoro svolto e come vocabolario consultabile durante tutto l'anno scolastico.


3 TAVOLE TATTILI – TAVOLE DEI CONTRASTI
Temi: le tecniche artistiche – scultura/installazione
Classi: I – II – III – IV – V
Materiali: materiali riciclati e raccolti (sarebbero perfetti i materiali raccolti e catalogati nel laboratorio “Alla scoperta dei materiali”), due tavolette di legno o cartone cm 12 x 18 ca., colla vinavil, pennelli, forbici
Costruiamo tavole tattili che mettano in evidenza i materiali piacevoli e quelli spiacevoli, le qualità dei materiali e i loro contrari (rigido/elastico – molle/sodo – poroso/compatto – cedevole/resistente – ruvido/liscio – curvo/spigoloso).

 

4 MESSAGGI CON I MATERIALI
Temi: le tecniche artistiche, scultura/installazione
Classi: III – IV – V
Materiali: sacchetti trasparenti, materiali raccolti e riciclati, scotch, scotch biadesivo, cartellone, etichette, un pennarello nero.
Dopo aver scoperto le caratteristiche e le simbologie legate ai materiali propongo di utilizzarli come parole di un messaggio, di un pensiero, di un ricordo, di una storia, seguendo sensazioni e vissuti personali. Ogni bambino metterà all’interno di una piccola busta trasparente i materiali che compongono il proprio messaggio.
I messaggi in busta sono confrontati, ognuno racconta a parole ciò che ha raccontato attraverso i materiali (laboratorio da Elena Stradiotto, Il linguaggio dei materiali nell’arte contemporanea, in Educare all’Arte, Cristina Francucci, Paola Vassalli, Electa, Milano, 2005).

Ogni bambino sceglie un titolo per il proprio racconto e si compone un cartellone con tutti i messaggi.

 

5 CREIAMO CON I MATERIALI
Temi: tutti
Classi: I – II – III – IV – V
Materiali: raccolti e riciclati, fili di lana, nastri, scatole di cartone (il materiale dovrà essere concordato con più precisione dopo avere scelto con l'insegnante il tema da proporre)
Creiamo un elaborato prestando attenzione alle qualità, alle associazioni e alle caratteristiche di ogni singolo materiale. Per il tema del ritratto si possono ritrarre persone conosciute dai bambini utilizzando solo materiali che ci raccontino aspetti del carattere o della vita del soggetto che scelgono; per il paesaggio possiamo creare attraverso fili, strisce di tessuto, piume uno spazio tutto da toccare. Il laboratorio si propone come obiettivo quello di sperimentare l'uso dei diversi materiali raccolti (carte, tessuti, legnetti) lavorando ad un tema proposto (il ritratto, la città, il bosco).
Per esempio:
PERSONAGGI RITRATTI
Classe: I – II – III
Materiali: oggetti e materiali portati dai bambini (foglie, sassi, spago, vetrini, tessuti, cotone, terra, francobolli, cuoio, …)
Chiedo ai bambini di costruire il ritratto di alcune categorie di persone utilizzando materiali che li caratterizzano.

6 ARTE E SCIENZA
Temi: la natura morta – le tecniche artistiche
Classi: I – II – III – IV – V
Materiali: microscopio (non serve alle classi I e II), fogli bianchi A4, pastelli a cera.
Attraverso l’ausilio del microscopio si indagano forme e colori di materiali comuni. (Per le classi I e II l'indagine verrà fatta ad occhio nudo su un particolare, per esempio di un fiore o di una pietra.)
I bambini guardano, a turno, diverse superfici attraverso i microscopi messi a disposizione dalla scuola e portati dagli stessi alunni. Si chiede ai bambini di scegliere un materiale tra quelli indagati e di disegnare su fogli bianchi o colorati, con pastelli, matite o pennarelli, quello che hanno visto al microscopio; devono ricoprire l’intero foglio. Non importa riprodurre in maniera dettagliata ciò che si è visto, è invece fondamentale che nel tempo a disposizione per l’osservazione si cerchi di identificare la struttura del materiale.

Si ottengono delle forme riprese dalla realtà ma che assumono un aspetto e un valore del tutti nuovi.

7 DIAMO VITA A PUNTO E LINEA
Temi: segno gesto/linea punto - il ritratto -  la natura morta – il paesaggio – le tecniche artistiche
Classi: I – II – III – IV – V
Materiali: fogli bianchi A4, due cartelloni, pennarelli, pastelli, carboncini, chine, pennelli e tempere (non dovranno essere distribuiti a tutti i bambini contemporaneamente, va privilegiata la varietà degli strumenti a disposizione piuttosto che la quantità)
Iniziamo a fare conoscere ai bambini quante possibilità ci sono per fare segni e quanti strumenti si possono usare per disegnarli, iniziando ad introdurre alcune regole del linguaggio visivo. In un secondo momento cercheremo di dare vita alle linee, raccontare brevi storie, esprimere sentimenti.
Dopo avere scoperto tanti tipi di linee differenti potremmo usarle per allontanarci dai disegni maggiormente stereotipati dei bambini: la casa, l'albero, il fiore.

 

8 FACE UP
Temi: Il Ritratto – Il colore
Classe: I – II – III
Materiale: colori a tempera, pennarelli, pastelli a cera, pennelli. Ogni bambino dovrà avere due immagini/ritratti (prese da riviste, giornali, pubblicità) fotocopiate in bianco e nero.
Modifichiamo un’immagine molto comune, un’immagine che i bambini conoscono, che di continuo hanno davanti agli occhi, ma che proprio per questo può sfuggirgli. Intervenendo con segni e colore la rendiamo fruibile per farla scorgere veramente.


9 A) L’ESPRESSIONE DEL SEGNO (FOTO-RITRATTO RITOCCATE)
Temi: il ritratto – segno/gesto – il colore
Classe: III – IV – V
Materiale: ------
Ogni bambino sceglierà due diverse espressioni del viso da rappresentare (felicità, rabbia, paura, concentrazione, ecc.)e cercherà di renderle in modo accentuato. Ogni bambini verrà fotografato nelle due espressioni scelte e le immagini verranno stampate e portate in classe nel laboratorio successivo.

 

9 B) L’ESPRESSIONE DEL SEGNO (FOTO-RITRATTO RITOCCATE)
Materiale: colori a tempera, pennarelli, pastelli a cera, pennelli.
I bambini dovranno ritoccare i loro ritratti cercando colori e segni scelti in base all’espressione rappresentata.
I laboratori A e B sono continuativi.

 

10 LA TECNICA DELLE VETRATE
Temi: il ritratto -  le tecniche artistiche -  la natura morta -  il paesaggio -  il colore
Classe: III – IV – V
Materiale: carta lucida (un foglio per alunno), carte veline colorate, forbici, matite, scotch biadesivo.
Il laboratorio spiega cosa sia un “cartone” per vetrata e come avvenga la trasposizione sul vetro. Partendo da un proprio disegno i bambini dovranno procedere come se fossero maestri vetrai e trasformare il disegno in una vetrata colorata.


11 “CACCIA AL COLORE”
Temi: il colore
Classi: I – II – III
Materiali: campioni del colore scelto, riviste, un cartellone, colla e pennello, scotch biadesivo
In accordo con l'insegnante scegliamo un solo colore (verde, rosso o bianco) e proponiamo ai bambini di riconoscerlo in una serie di materiali raccolti o in ritagli di giornali e riviste. Quante tonalità esistono di un unico colore? Attraverso la realizzazione di un pannello che assembli i campioni raccolti scopriamo insieme come tutti vicini, i verdi (o bianchi, o rossi) che prima erano solo “verdi” (bianchi o rossi), ora sono diversi, e le sfumature sono tantissime!


12 DISEGNO “A CUBI”
Temi: il ritratto – la natura morta – il paesaggio – le tecniche artistiche
Classi: IV – V
Materiale: tessuti, giornali e riviste, forbici, colla, colori a tempera
Trasformiamo un disegno dei bambini (svolto precedentemente al laboratorio in tema con il percorso scelto, meglio se su un foglio di carta spesso o su cartoncino) in un quadro cubista: semplifichiamo le forme e utilizziamo la tecnica del collages per aggiungere fantasia e colore (utilizziamo ritagli di giornali, tessuti, carte colorate). Il suggerimento che dovranno seguire sarà quello di semplificare ogni elemento del disegno in una forma geometrica.


13 CACCIA AL PARTICOLARE
Temi: il ritratto – la natura morta – il paesaggio – illustrazione/fumetto
Classi: I – II – III
Materiali: matite, colori, fotocopie delle immagini scelte
Consegno le fotocopie di opere viste durante la proiezione, nelle quali mancano alcuni particolari: cosa manca? Cosa vorreste aggiungere all'immagine? Quale elemento potrebbe rendere buffa o stravagante l'immagine? I bambini dovranno completare e colorare il disegno usando la loro immaginazione.

 

14 ILLUSTRARE UNA STORIA CON FORME, COLORI E SIMBOLI
Temi: il colore – segno,gesto/linea,punto – le tecniche artistiche – illustrazione fumetto
Classi: I – II – III – IV – V

Materiale: Cartoncino bianco (o nero) cm 100 x 15 cm ca., cartoncini colorati, colla stick, forbici
I bambini dovranno illustrare una storia utilizzando solo colori, forme e segni. Costruiamo un libro a fisarmonica in cui la storia può essere letta attraverso la visione delle immagini in sequenza. Consiglio la visione in classe di “Piccolo blu e piccolo giallo” di Leo Lionni


15 ORGANIZZIAMO UNA MOSTRA!

Temi: scultura/installazione
Classi: III – IV – V
Una mostra, in museo o in una galleria d'arte, presenta oggetti “preziosi”, unici; quali sono i “tesori” conservati dai bambini? Organizziamo una mostra dei loro oggetti collezionati e conservati, una mostra a tema delle cose preferite dai bambini. Cerchiamo in classe uno spazio da dedicare all'arte e pensiamo a come allestire la mostra, dividere le “opere” e scrivere le didascalie. Occorre fare capire come ogni oggetto, se ben collocato nello spazio, acquisti valore e visibilità.

16 COLORI
Temi: il colore – la natura morta (il cibo nell’arte)
Classe: I – II – III
Materiali: colori a tempera, pennelli, panini secchi
Indaghiamo gli effetti dei diversi colori ricoprendo oggetti identici ( per esempio panini, meglio se secchi, o fogli) e attraverso il confronto associamo ai colori sensazioni ed immagini.


17 PAROLE DESCRITTE
Temi: il colore – segno, gesto/ linea, punto

Classe: III – IV – V
Materiali: fogli bianchi A3, diversi tipi di pennelli, pittura
Prepariamo dei cartelloni bianchi, della pittura acquosa e dei pennelli grandi e morbidi. Proporre delle parole astratte, per esempio: paura, coraggio, serenità, felicità, solitudine,…Quindi proponiamo ai bambini di scegliere il colore e il “segno” per scrivere – disegnare la parola scelta.

 

18 SEGNO E DISEGNO…
Temi: segno, gesto/ linea, punto – il ritratto – la natura morta – il paesaggio
Classi: I – II – III
Materiali: fogli bianchi, pastelli a cera o matite o pennarelli, forbici, colla

 Chiedo ai bambini di fare un disegno(il tema verrà scelto in accordo con l’insegnante); successivamente ritagliano il loro lavoro in tanti piccoli pezzi per renderlo irriconoscibile e lo incollano per ottenere tanti piccoli segni.

 

19 SEGNI
Temi: segno, gesto/ linea, punto – le tecniche artistiche
Classi: I – II – III – IV – V
Materiali: fogli A4 ruvidi e lisci bianchi e neri, pastelli, gessetti, carboncini

Mettiamo a disposizione dei bambini diversi strumenti: pastelli, carboncini, pennarelli a punta grossa, gessetti e fogli bianchi e neri. Ogni bambino deve scegliere il supporto e lo strumento con cui disegnare, deve tracciare dei segni senza il tentativo di riprodurre qualcosa ma cercando di valorizzare il segno dello strumento scelto. In un secondo momento forniamo delle “mascherine” con cui i bambini potranno isolare un particolare del loro disegno che dovranno riprodurre in un secondo foglio formato A4.


20 MACCHIE DI COLORE
Temi: il colore – segno, gesto/ linea, punto – le tecniche artistiche
Classi: I – II – III – IV – V
Materiali: Fogli bianchi, pennarelli, pittura e pennelli, penna a china (o pennarelli neri)
Inventiamo giochi di osservazione e impressione visiva traducendo macchie formate con i colori primari o impronte di pennarelli, su carta asciutta e carta bagnata.

 

21 RITAGLI DI CARTONE
Temi: il colore – segno, gesto/ linea, punto – le tecniche artistiche
Classi: I – II – III – IV – V
Materiale: cartone, cartoncini colorati, forbici, colla
Componiamo delle immagini utilizzando cartone ondulato e cartoncini colorati, inventando giochi atratti di linee, forme e colori. Ogni bambino interpreterà le immagini secondo la propria fantasia.


22 LINEA FORMA E STRUTTURA
Temi: il colore – segno, gesto/ linea, punto – le tecniche artistiche
Classi: III – IV – V
Materiali: Cartoncini colorati, forbici, colla
Giochiamo con la linea per creare tessiture, prospettive e immagini geometriche.

 

 

Sezione didattica

GIOCARE CON L'ARTE
Progetto didattico 2010 - 2011